in:

Ieri sera Bobo Craxi era a Modena per lanciare la campagna elettorale alle europee dei socialisti. Il leghista Manfredini aspetta Bossi.

Una giustizia a orologeria? “Contrario al lodo Alfano e allo scudo che prevede per le alte cariche dello Stato: certo che se le motivazioni della sentenza sul caso Mills arrivano a poco più di due settimane dalle elezioni il momento fa pensare”: Bobo Craxi, ieri sera a Modena per lanciare la campagna per le europee dei socialisti, non si vuole sbilanciare più di tanto, ma la sua storia famigliare pesa nel dare un giudizio sul caso che vede il presidente del Consiglio Berlusconi scatenato contro giudici e Parlamento. I socialisti alle elezioni di giugno si presentano in modo diverso alle europee e alle amministrative. Alle europee, insieme alle altre formazioni della sinistra che alle ultime politiche sono rimaste fuori dal parlamento, hanno dato vita al raggruppamento “Sinistra e libertà”. Alle amministrative, invece, in prevalenza, è stato fatto l’accordo con il Pd e le altre formazioni del centro-sinistra: solo in alcuni comuni, come Mirandola e Formigine, i socialisti sostengono un proprio autonomo candidato. Lega Nord, arriva Bossi In attesa di Umberto Bossi, leader nazionale della Lega nord, che sarà a Modena sabato 30 maggio, in piazza Matteotti alle 21, per incontrare i cittadini e sostenere i suoi uomini candidati in comuni e province, ieri sera Mauro Manfredini ha presentato ufficialmente tutti i leghisti in corsa. Lui stesso candidato, e a sindaco di Modena, ha illustrato i punti chiave del programma che caratterizza tutti gli aspiranti a varie poltrone della Lega nord. Sicurezza prima di tutto, ma anche diritto alla casa, in nome della modenesità. Elezioni, cosa fare L’appuntamento col voto si avvicina. Il 6 e 7 giugno si voterà per il rinnovo delle cariche amministrative locali ed europee. Un momento importante della vita politica della nostra comunità, regolato da normative precise. Aperture straordinarie in vista per l’ufficio anagrafe di via Santi 40 a Modena. L’obiettivo è infatti quello di permettere a tutti i cittadini di poter ottenere, nel più breve tempo possibile, il rilascio o il duplicato dei documenti necessari per il voto. Ai seggi, infatti, è necessario presentarsi con la propria tessera elettorale e un documento di identificazione personale valido. Norme rigide anche per i candidati. Dal 25 maggio gli uffici comunali preposti provvederanno d’ufficio alla rimozione della pubblicità elettorale affissa in modo con conforme e procederanno alla notifica della sanzione pecuniaria. Dalle 24 di venerdì 5 giugno stop completo alla propaganda elettorale.


Riproduzione riservata © 2016 TRC