in:

“La sicurezza è un bene primario dei cittadini, ma il Governo fa operazioni spettacolari contro donne e bambini e non espelle i delinquenti veri”. A dirlo, stamattina a Roma, il Sindaco di Modena, Giorgio Pighi, in qualità di presidente del Forum italiano sicurezza urbana.

Pighi contro Maroni. Nel giorno in cui anche L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha annunciato a Ginevra di aver scritto al governo italiano esprimendo “grave preoccupazione” per il rinvio in Libia dei migranti intercettati o soccorsi in mare, il Sindaco di Modena, Giorgio Pighi, intervenendo ad un convegno a Roma in qualità di presidente del Forum italiano sicurezza urbana ha duramente criticato l’operato del Governo e del Ministro dell’interno, in particolare. “Alcune operazioni spettacolari contro donne e bambini – ha detto Pighi dal palco – non possono nascondere le responsabilità di un Governo che taglia i fondi per la giustizia e per le forze dell’ordine, prepotente con i deboli e assolutamente inconcludente con i veri delinquenti che non vengono presi men che meno espulsi”. La sicurezza, esigenza primaria di tutti i cittadini, ha poi chiarito Pighi, non può essere disgiunta dal rispetto della persona umana e della sua dignità. “Ci sono diritti universali non negoziabili – ha concluso Pighi – Le città diventano più sicure solo se lo Stato è in grado di contrastare la criminalità vera e di garantire i diritti fondamentali anche ai naufraghi e ai disperati, ridotti a comparse sofferenti della politica elettorale e muscolare di Maroni”. Un attacco a tutto tondo che richiama i contenuti del presidio di ieri di sindacati e associazioni davanti alla Prefettura di Modena.


Riproduzione riservata © 2016 TRC