in:

Continua la presentazione dei candidati a sindaco: oggi Daria Denti per Vignola e Lucia Bursi per Maranello. E c’è un nuovo modenese per l’Europa.

Daria Denti per VignolaUna squadra unita nei valori e nelle proposte. Sono 4 partiti, più la lista Vignola Noi, a comporre la coalizione di centrosinistra che, a Vignola, sostiene la candidata a sindaco Daria Denti. 31 anni, vignolese, già assessore alle infrastrutture nella giunta Adani, Daria Denti è la candidata a sindaco per Vignola del centrosinistra. A sostenerla, una coalizione formata da Partito Democratico, Comunisti Italiani, Italia dei Valori, Rifondazione Comunista e la lista civica Vignola Noi. Tra i punti salienti del programma: il sostegno a redditi ed imprese, un nuovo impulso all’agricoltura e qualità dei servizi per i cittadini. In definitiva, un programma che consenta a Vignola di fronteggiare i problemi esistenti e di creare nuove opportunità di sviluppo basate sulla promozione delle idee e non sul cemento.Maranello, Lucia Bursi si ripresenta Punta, invece, alla riconferma Lucia Bursi. L’attuale sindaco di Maranello ha presentato stamattina la candidatura, sostenuta da tutte le forze del centrosinistra. “Per cinque anni abbiamo dato prova di saper governare Maranello con compattezza e senso di responsabilità, per questo è stato naturale continuare insieme”. Così Lucia Bursi, Sindaco di Maranello, nel giorno della presentazione ufficiale della sua ricandidatura. Al suo fianco i rappresentanti dei quattro partiti, Pd, Italia dei Valori, Comunisti Italiani e Rifondazione, che la sosterranno, ma anche Verdi e Sinistra per Modena pur non presentando specifiche liste sono parte integrante della coalizione. In continuità con i risultati conseguiti in questi cinque anni, Lucia Bursi mette tra le priorità per il futuro della città il problema del traffico, ma soprattutto pensa a politiche in grado di aumentare il senso di appartenenza alla collettività. Un approccio diverso, anche in tempo di crisi, alle ricette che vanno per la maggiore di questi tempi. In corsa per l’EuropaMaggior contrasto all’inquinamento atmosferico e investimenti per la ricerca. Sono queste le priorità di Emilio Arisi, il carpigiano candidato al Parlamento Europeo per Sinistra e libertà. Salgono a sei i modenesi in corsa per un seggio al Parlamento europeo. Sinistra e libertà candida infatti a Strasburgo, Emilio Arisi, manotvano d’origine e attuale direttore di ostetricia e ginecologica a Trento, ma carpigiano doc, con alle spalle anche un’esperienza in consiglio comunale nelle fila del Pci, a cavallo tra gli anni ’70 e ’80. Il 66enne carpigiano torna in politica con l’obiettivo di sensibilizzare l’Europa e l’opinione pubblica su alcuni temi, a cominciare dall’importanza del contrasto all’inquinamento atmosferico generato dal traffico veicolare. Provincia, la lista di Rifondazione ComunistaE’ stata ufficializzata anche la lista dei 30 aspiranti consiglieri provinciali di Rifondazione Comunista che sostiene la candidatura alla presidenza di Stefano Lugli, attuale segretario provinciale del partito. Tra i 30 nomi spiccano quelli di Francesco Giliani e Donatella Clerici, candidati a Sindaco di Modena e Formigine, e dei consiglieri comunali di Modena, Angela Bellei e Giancarlo Montorsi. “Una lista – commenta Stefano Lugli – che ha l’ambizione di rappresentare il polo della sinistra alternativa e ambientalista che non si vuole omologare ad un centrosinistra che non ha avuto la capacità di presentare programmi di rinnovamento”. In tal senso desta curiosità la presenza in lista di Romina Bertoni, Claudio Botti e Giuseppe Vecchi, candidati per Rifondazione anche in Comune a Vignola, dove il partito fa parte della coalizione di centrosinistra che sostiene Daria Denti.


Riproduzione riservata © 2016 TRC