in:

C’è tempo sino a domani per presentare liste e candidature a Sindaco per le prossime amministrative del 6 e 7 giugno. Tra le novità di questa tornata elettorale, il numero sempre maggiore di liste civiche. A Formigine presentate le liste di Richeldi.

Ma con la nascita di Pd e Pdl non si doveva semplificare la politica? Ad un giorno dal termine ufficiale per le candidature la domanda viene spontanea osservando il fiorire di liste civiche alternative ai partiti tradizionali. Un fenomeno che riguarda tutti i comuni del modenese sopra i 15mila abitanti, con il record di Vignola dove quelle in corsa sono addirittura 6. Ma c’è civico e civico. Tra la trentina di liste presentatesi in Provincia e nei 9 comuni con più di 15mila abitanti si possono distinguere tre diversi ambiti di origine. Ci sono le liste civiche storiche come Modena a Colori e Per Cambiare a Formigine, già presentatesi in passato, spesso alleate dal centrodestra, ma sostanzialmente autonome dai partiti. Una novità di questa tornata elettorale è invece rappresentata da quelle che sostengono i candidati a Sindaco di centrosinistra. A Carpi, come a Sassuolo, Vignola e Formigine. In crescita, le liste civiche formate da delusi della politica, ex consiglieri o amministratori messi da parte dai rispettivi partiti di appartenenza che provano una strada alternativa. Ma le due novità più interessanti riguardano le liste civiche degli Amici di Beppe Grillo, in corsa a Modena, Carpi e Mirandola, e quelle nate da precedenti esperienze di comitati civici impegnati su questioni ambientali. Contro il piano cave e l’inceneritore, in particolare. Comitati che ora sono scesi in campo esprimendo candidati a Sindaco per Savignano, Nonantola e Castelfranco, dove tra i due aspiranti primi cittadini civici, Ermete Campedelli e Fiorenzo Manfredi, sono già volate parole grosse. Diversa la strada seguita dai leader dei Comitati per la sicurezza che hanno accettato la corte dei partiti tradizionali. E così, a Sassuolo, Francesco Battani, correrà nel Pdl, e a Modena, Luca Bagnoli, Anna Ferrari e Emanuela Soncini per la Lega Nord. Una via di mezzo, quella scelta da Andrea De Pietri del Comitato Tempio Stazione che si candida per Modena a Colori. “Candidature individuali”, chiarisce stamattina il Coordinamento Comitati Sicurezza, che vuole così rimarcare l’apoliticità del movimento. Da qui la decisione di sostituire De Pietri con Viviana Besutti come portavoce. Formigine, liste pro RicheldiSono 5 le liste che sostengono, a Formigine, il sindaco Franco Richeldi, pronto per affrontare il suo secondo mandato. Oltre al Partito Democratico, nella coalizione rientrano anche Italia dei Valori, Comunisti Italiani e la coppia Verdi-Sinistra per Formigine. La quinta lista è una civica, Formigine Viva, espressione delle diverse realtà sociali formiginesi, a partire dal volontariato. Una squadra forte e coesa che si propone di lavorare per il bene comune, guardando con fiducia al futuro della città, partendo dai concreti traguardi raggiunti nella passata legislatura. Anche il programma, infatti, riprende e sviluppa le priorità e le scelte di fondo tracciate in questi anni. Con un occhio di riguardo al momento di grande criticità dello scenario economico.


Riproduzione riservata © 2016 TRC