in:

Continuano le presentazioni delle liste per le elezioni amministrative. Oggi Sinistra per Modena e anche la lista che sostiene l’ex rettore.

La Sinistra prova a ripartire. Dopo il rovescio alle politiche, in vista delle amministrative scende in campo la Sinistra per Modena, forza politica nata dall’incontro tra fuoriusciti dai Ds, al momento della costituzione del Pd, e da Rifondazione. Stamattina la presentazione ufficiale del simbolo e della lista che punta a ricostituire una vasta alleanza di sinistra-centro per il Governo di Modena. Un movimento nazionale che – come ha spiegato stamattina Massimo Mezzetti, coordinatore regionale di Sinistra democratica e tra i promotori di Sinistra per Modena – punta a far rinascere in Italia l’idea di una sinistra di governo, che non si chiude nella denuncia e nell’oblio dell’opposizione. In questo senso, Sinistra per Modena è ora impegnata a ricercare un’intesa programmatica con il Pd in vista delle elzioni amministrative. A Modena, ma anche negli altri comuni del modenese, con un occhio di riguardo alle politiche economiche da mettere in campo contro la crisi e per sostenere le famiglie in difficoltà. Un progetto politico che da ieri guarda anche all’Europa. In vista delle elezioni europee del 6 e 7 giugno, è nata "Sinistra e libertà", con l’adesione anche di Verdi e socialisti. Obiettivo: superare lo sbarramento del 4% e trasformare questa alleanza elettorale in un vero e proprio movimento politico.E stamattina si è ufficialmente presentata anche la lista civica Pellacani per Modena che sostiene la candidatura a sindaco dell’ex rettore. Una lista civica, a fianco di quella ufficiale del Pdl, che come ha spiegato il coordinatore Rodolfo Cecchi si propone di riavvicinare i cittadini alla politica. Innovazione e merito, le parole chiave del movimento  che punta a sconfiggere un centrosinistra che definisce "bloccato nel presente e privo di una visione del futuro". Originale il simbolo: un pellicano. Un modo ironico per richiamare il nome del candidato a sindaco, Giancarlo Pellacani.


Riproduzione riservata © 2016 TRC