in:

Primarie vere, nel senso di combattute, e molto partecipate, quelle organizzate ieri dal Partito democratico, per scegliere i candidati a Sindaco di Bastiglia, Castelnuovo, Castelvetro, San Prospero, Soliera e Vignola. E non sono mancate le sorprese.

Sandro Fogli a Bastiglia; Maria Laura Reggiani a Castelnuovo; Giorgio Montanari a Castelvetro; Mario Ferrari a San Prospero; Giuseppe Schena a Soliera; Daria Denti a Vignola. Sono questi i vincitori delle primarie del Pd, svoltesi ieri, che il 6 e 7 giugno correranno per la carica di Sindaco nei rispettivi Comuni. Primarie molto partecipate, con oltre 6mila elettori che hanno scelto il candidato preferito. “L’affluenza dei votanti, l’impegno e la lealtà dei candidati e dei circoli – ha commentato Stefano Bonaccini, segretario provinciale del Pd – dimostrano la capacità del partito di confrontarsi e coinvolgere i cittadini”. “Ma adesso – ha chiosato Bonaccini – dobbiamo metterci tutti al lavoro per battere il centrodestra a giungo, il vero obiettivo”. Alta partecipazione, a Bastiglia e San Prospero addirittura maggiore il numero dei votanti rispetto alle primarie per Veltroni del 2007, complessivamente quasi l’80% di allora, ma anche molto combattute. Vere. Il risultato più incerto a Vignola dove Daria Denti, giovane assessore dell’attuale giunta Adani, ha superato i presidente del consiglio provinciale Luca Gozzoli per sole 61 preferenze, su oltre 1600 votanti. Ma ad eccezione di Soliera, dove il vicesindaco Giuseppe Schena ha superato il 60% dei consensi, in tutti gli altri comuni l’incertezza è stata tanta, anche a San Propsero dove il Sindaco uscente Mario Ferrari ha ottenuto il 53e5%. Con le primarie di ieri, al Pd manca ora poco per completare la rosa dei candidati a Sindaco per le prossime elezioni amministrative. All’appello mancano solo i piccoli comuni dell’Appennino, oltre a Mirandola, Ravarino e San Possidonio, dove il 1° marzo sono previste le primarie di coalizione.


Riproduzione riservata © 2016 TRC