in:

Comitati civici e politica. In preparazione del consiglio comunale di Modena sulla sicurezza, la Lega Nord rivendica i risultati conseguiti e si scaglia contro chi fa politica nei Comitati.

Il consiglio comunale sulla sicurezza diventa terreno di scontro tra Comitati di cittadini e Lega Nord. Motivo del contendere, la funzione stessa dei Comitati. Secondo il leghista Mauro Manfredini, infatti, ci sarebberero aspiranti politici che approfittano di queste libere associazioni di cittadini per ottenere visibilità in vista delle prossime amministrative. All’origine dello scontro, la decisione assunta dal coordinamento dei Comitati di escludere le forze poltiche, anche quelle come la Lega Nord, che proprio del tema della sicurezza ha fatto la sua bandiera. Ed è questo il nodo centrale dell’attacco di Manfredini ai Comitati che, a suo dire, finiscono per essere strumentalizzati, non arrivando a riconoscere i risultati conseguiti. In particolare, Manfredini ricorda l’arrivo dei militari all’ex Cpt, che ha consentito di liberare da compiti di sorveglianza le forze dell’ordine, e il potenziamento degli organici dei vigili urbani. Il leghista rivendica il ruolo della politica citando anche il caso di via Capitani con la Tav che si è detta pronta a rispondere positivamente alle richieste dei cittadini di realizzare un collegamento tra le due parti della città separate dalla ferrovia.


Riproduzione riservata © 2016 TRC