in:

Sempre più politica e sempre meno tecnica la vicenda Rivara. In attesa di chiarire la posizione del Governo sul deposito di gas alla luce delle dichiarazioni del sottosegretario Giovanardi, per lunedì sera il Pd dell’Area Nord ha organizzato un incontro pubblico per ribadire le ragioni del no.

Un grave incidente, per usare le parole del consigliere regionale leghista Mauro Manfredini: un vero e proprio suicidio, per usare quelle del consigliere regionale del Pdl Andrea Leoni. Comunque la si voglia guardare, la questione Rivara sta portando alla disfatta il centrodestra. Spaccato, dopo le posizioni isolate sul deposito di gas assunte dal Commissario di Forza Italia Lenzini e dal sottosegretario modenese Giovanardi. Che sostiene, sconfessato dall’onorevole del Carroccio Alessandri, di parlare a nome del Governo e non a titolo personale. Posizione da chiarire al più presto. Richieste di incontro con i ministri competenti sono state inoltrate nei giorni scorsi dal Presidente dell’Unione Comuni Area Nord Raimondo Soragni. Dura la sua replica. “Ho trovato sconcertanti le affermazioni di Giovanardi che ha paragonato questa zona a Napoli – scrive Soragni – Si tratta di un paragone impossibile ed offensivo per l’intelligenza sociale dell’Area Nord. Il nostro territorio non ha emergenze di nessun tipo e, lo ribadisco, ha sempre fatto la propria parte”. Il presidente dell’Unione, assieme all’intero Pd dell’Area Nord, si è fatto promotore di un incontro pubblico sul tema del deposito di gas che si terrà lunedì sera nella piazza di Massa Finalese. Una grande manifestazione popolare, aperta a comitati e cittadini, per ribadire le ragioni di un no. “Un no convinto e consapevole al deposito – sottolinea il segretario del Pd di San Felice Giovanelli – legato al fatto che non sussistono le piene condizioni per la sicurezza del territorio”. Ma a questo punto, tra contraddizioni ed ambiguità, la vicenda Rivara appare sempre più politica e sempre meno tecnica. “Si tratta ora di stabilire – ha dichiarato il sindaco di Mirandola Costi – se il deposito è di pubblica utilità. Con una buona politica energetica non lo è”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC