in:

Modena terza per immigrazione irregolare: questo dice la classifica pubblicata oggi dal Sole 24 ore. Il Sindaco Pighi:"E’ domanda di manodopera da parte delle imprese modenesi".

Con 25,5 clandestini ogni mille abitanti Modena si colloca al terzo posto in Italia per presenza di cittadini irregolari. La media nazionale è di 11. Peggio di Modena solo Brescia, con 32, e Mantova, con 29,8. E sono in tutto cinque le città emiliane nei primi dieci posti, ci sono infatti anche Reggio Emilia, con 24,5, Parma, 20,4, Bologna, con 20,2, e Piacenza. La classifica, pubblicata oggi dal Sole 24 Ore, si basa sulle domande presentate per il decreto flussi, quindi si tratta nella maggior parte dei casi di persone che lavorano, ma sono senza permesso di soggiorno. Una classifica questa che si inserisce nella discussione in corso nel nuovo governo sul problema della clandestinità. E fra le proposte, oltre che aggravare le pene per questo reato, anche quella di allungare la permanenza nei Cpt fino a 18 mesi, ora sono due. Ma chi le strutture le gestisce avverte: non è questo il problema: "Rivedere i tempi di permanenza nei cpt significa anche rivedere l’organizzazione delle strutture e la formazione degli operatori" commenta Daniele Giovanardi, presidente della Misericordia, l’associazione che gestisce il Cpt di Modena. "Sarebbe ora che si cominciasse a distinguere tra immigrati che delinquono che vanno mandati a casa e quelli che sono qui per lavorare e che andrebbero seguiti con appositi percorsi – conclude Giovanardi – ma in Italia si va spesso per slogan ‘immigrati tutti buoni’ o immigrati tutti cattivi’. La questione del numero degli stranieri irregolari a Modena è al centro di due interrogazioni presentate dai consiglieri comunali Andrea Leoni, di Forza Italia e Mauro Manfredini, della Lega Nord, e indirizzate al Sindaco Giorgio Pighi. “Il centrodestra vuole cacciare badanti, operai e agricoltori, in attesa di regolarizzazione per problemi burocratici” afferma il senatore del Pd Giuliano Barbolini. “Il fatto è che le nostre imprese richiedono manodopera” afferma il segretario modenese della Cisl. Così anche il Sindaco “Nessuna emergenza clandestini – dice il primo cittadino – i dati del sole 24 ore evidenziano invece una forte domanda di manodopera regolare da parte dei datori di lavoro modenesi”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC