in:

Criminalità e violenza, Modena dice no. Domani a Savignano una camminata sul Percorso sole dove lunedì è stata violentata una 46enne di Spilamberto. Via libera anche al Consiglio comunale tematico sulla sicurezza alla presenza del Prefetto.

“Libere di correre”. Partirà alle 15e30 dalla piazza Falcone di Savignano la camminata, organizzata per domani dai sindacati e dalle associazioni delle donne, contro la violenza. E simbolicamente i partecipanti percorreranno il Percorso sole, nel tratto dove lunedì scorso, una 46enne di Spilamberto è stata stuprata. La camminata si concluderà in Piazza dei Contrari a Vignola, dove Laura Piretti dell’Udi, nell’intervento conclusivo, esprimerà solidarietà alla vittima e tornerà a denunciare i troppi casi di violenza che subiscono, tra le mura domestiche o da sconosciuti, le donne. Violenze che, secondo l’assessore modenese Simona Arletti, sono la fotografia di un grave malessere sociale. Da qui la richiesta di pene certe e di un costante impegno delle forze dell’ordine, ma anche di un rinnovato impegno per la prevenzione e per aiutare concretamente le vittime di violenza. Azioni di contrasto alla criminalità di cui si occuperà il consiglio comunale di Modena in una seduta ad hoc, in presenza del Prefetto. La decisione è contenuta nell’ordine del giorno approvato all’unanimità in cui i consiglieri hanno espresso la loro solidarietà al Sindaco Pighi per le minacce ricevute e condannato “ogni forma di intimidazione e di attacco contro chi opera per garantire la sicurezza dei cittadini”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC