in:

Ha lasciato una pesante eredità l’iniziativa di ieri moschee aperte. Il sindaco Giorgio Pighi si è arrabbiato, mentre il vicepresidente della comunità, Luca Marri, si è dimesso dalla carica.

Ha lasciato una pesante eredità l’iniziativa di ieri moschee aperte. Dopo che il sindaco Giorgio Pighi, che a sorpresa si è trovato tra gli ospiti Rosario Pasquini, ha detto che la comunità islamica non ha rispettato gli accordi, il vicepresidente della comunità, e organizzatore dell’evento, Luca Marri, ha annunciato la volontà di dimettersi dalla carica, assumendosi tutta la responsabilità dell’accaduto. Il primo cittadino, infatti, ieri ha chiesto spiegazioni dopo che era stato sì ritirato l’invito a Nour Dashan, su cui pende un procedimento per incitamento all’odio razziale, ma alla fine era stata permessa la presenza di Pasquini, personaggio altrettanto discusso. Andrea Leoni ed Enrico Aimi del Pdl parlano di fallimento dell’iniziativa e chiedono che il sindaco riferisca comunque in consiglio. Marri, presentando le dimissioni, si augura che l’accaduto non intacchi i rapporti tra Comune e comunità islamica.


Riproduzione riservata © 2016 TRC