in:

Modena città, al Senato Pd e Idv al 53,89%, Popolo della libertà e Lega al 33,37%. Pighi: "A Modena il centrosinistra tiene".

A Modena città, al Senato, il Pd ha ottenuto il 49,67% dei voti, l’Italia dei valori il 4,22, per un totale del 53,89%. Il Popolo delle libertà si attesta al 27,20%, e la Lega al 6,17, per un totale del 33,37%. Alla camera, Pd e Idv hanno il 54,6%, Pdl e lega il 32,8%. In provincia Pd e Idv hanno ottenuto al Senato il 51,3%, Pdl e Lega 35,6%. Alla Camera, a livello provinciale, Pd e Idv sono a quota 51,71%, Pdl e Lega al 35,20%. Qualche esempio su cui riflettere in provincia, per il Senato: a Sassuolo, Pdl e Lega superano il centrosinistra, rispettivamente, 43,8% e 42,6%. A Finale Emilia i due schieramenti si sfiorano, 42,2 al centrosinistra e 41,2 al centrodestra. “Il sistema politico del paese sta virando al bipolarismo, una trasformazione profonda innescata dal Partito Democratico” Nel prendere atto del forte dato del centrodestra a livello nazionale, il sindaco di Modena Giorgio Pighi loda la scelta del centrosinistra di dar vita ad un nuovo partito “artefice del cambiamento”. “A Modena – dice il Sindaco – il Pd si attesta oltre il 50% al Senato, un dato superiore a quello delle precedenti politiche. In città, conclude Pighi non c’è stato un travaso di elettori verso lo schieramento opposto”.“Grazie agli elettori e ai militanti”. E’ un Mauro Manfredini entusiasta, quello che commenta i primi dati sui risultati della Lega Nord al Senato. “Le urne consegnano un raddoppio al partito di Bossi – sottolinea il consigliere regionale. Anche i modenesi si sono svegliati. Nella Bassa, in alcuni comuni, la Lega ha toccato il 12%.” “Adesso chiederemo sicurezza, welfare e regole per l’immigrazione” conclude il consigliere.“Se milioni di italiani non avranno una rappresentanza in parlamento, è colpa del “porcellum””. Massimo Mezzetti, coordinatore regionale di Sinistra Democratica, sottolinea l’assenza di formazioni che si dichiarino di sinistra alla guida del paese. Nel prendere atto della vittoria della coalizione di centrodestra, Mezzetti addebita la responsabilità della propria sconfitta anche al Pd, che “ha prosciugato la sinistra e consegnato il paese alla destra”. Per questo, il coordinatore di Sd invita il Pd a non correre da solo anche alle prossime amministrative”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC