in:

Seggi chiusi dalle 15; alle 22 di ieri sera avevano già votato oltre 370mila modenesi. Affluenza alle urne, comunque, in forte calo sia a livello nazionale sia in provincia.

In attesa dei risultati, preceduti da exit poll e proiezioni, e di una notte elettorale che si annuncia lunga, anche per le nuove disposizioni anti-brogli volute dal Viminale, il primo dato ufficiale su cui riflettere è quello dell’affluenza alle urne alle 22 di ieri sera. Rispetto alle politiche del 2006 ha votato il 4% di italiani in meno, il 62e5% degli aventi diritto. L’Emilia Romagna, nonostante un calo di quasi 5 punti percentuali, si conferma la regione dove si vota di più, davanti a Lombardia e Trentino Alto Adige, l’unica dove ieri sera alla chiusura dei seggi si era recato alle urne più del 70% degli aventi diritto. Tra le province, Modena con oltre 370mila votanti, il 71e85%, nonostante un calo intorno al 4e5%, si piazza al quinto posto, alle spalle di Bergamo, Bologna, Monza e Reggio. In città, alle 22 di ieri sera, erano già più di 100mila gli elettori che avevano votato. Gli elettori più virtuosi sono stati quelli di San Cesario, al 75e29%. In coda: Riolunato e Montese, di poco sopra al 60%. Affluenza in calo, comunque, in tutti i comuni, anche a Camposanto, l’unico dove si vota anche per il rinnovo dell’amministrazione comunale. Alle 22, aveva votato il 75% degli aventi diritto, ma per conoscere il nome del nuovo sindaco bisognerà attendere a 24 ore: lo scrutinio delle elezioni amministrative inizierà solo alle 14 di domani.


Riproduzione riservata © 2016 TRC