in:

Di scena ieri sera all’Auditorium Manzoni. La tappa bolognese della “sacerdotessa del rock” si è conclusa con un concerto attesissimo e applauditissimo

9 settembre 1979. Patti Smith regala a Bologna una notte di rock, in un Dall’Ara gremito. Dopo anni di stop politico, la Sacerdotessa riapriva le porte della città ai grandi eventi. Quel concerto, resta nella storia musicale di Bologna. Impossibile dimenticarselo, anche per chi non c’era. Da allora Patti Smith è tornata in città altre volte, ed è sempre stata accolta come una benefattrice, oltre che una star: poetessa, scrittrice e sacerdotessa maudit del rock. Di nero vestita e con il figlio Frederick, accanto, alla chitarra, sul palco dell’Auditorium Manzoni si è esibita per un’ora e mezza intonando i suoi brani più celebri, da “Because the night” a “Gloria”, ma anche alcune splendide cover come “A hard rain’s A gonna fall” di Bob Dylan. La settantenne Patti Smith non ha certo perso l’energia né la graffiante e inconfondibile voce. Per lei, dopo “People have the power”, la dovuta standing ovation del pubblico.


Riproduzione riservata © 2017 TRC