in:

Sciopero oggi per gli addetti dei settori logistica e facchinaggio, la vertenza riguarda il rinnovo del contratto di lavoro.

Sciopero nazionale degli addetti delle cooperative di logistica e facchinaggio. I sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti hanno organizzato per questa mattina un presidio di fronte alla sede della Legacoop di Modena. I sindacati chiedono il rinnovo del contratto nazionale di settore, firmato sinora solo da alcune controparti, ma non dalle tre centrali cooperative del distretto modenese. Le organizzazioni sindacali rivendicano l’attuazione di norme contrattuali che tutelino la trasparenza negli appalti e chiedono aumenti salariali pari a 108 euro per il contratto vigente e l’erogazione degli 88 euro di arretrati. Dopo un presidio esterno, questa mattina i lavoratori e i delegati sono stati ricevuti da Gianluca Verasani, direttore di Legacoop Modena che ha sottolineato l’impegno nel tutelare il socio lavoratore. “Un interesse che – secondo Legacoop – non è quello di formalizzare un accordo con 108 euro lordi in più”. In una nota inoltre Legacoop ribadisce che le priorità sono legate ad una illegalità diffusa e dilagante, che mette a rischio il lavoro delle cooperative aderenti alle Associazioni Cooperative; l’abuso di istituti come la trasferta, il cui utilizzo improprio crea casi di lavoro nero; l’utilizzo anomalo dei contratti di solidarietà e una impossibilità del mercato attuale di recepire un aumento dei costi, che non farebbe che aumentare i casi di concorrenza sleale tramite il ricorso ad applicazioni del contratto nazionale. Legacoop ribadisce infine l’appello a ripensare in termini nuovi le relazioni industriali, alla luce di un contesto di mercato profondamente cambiato. Intanto domani Cgil, Cisl e Uil hanno organizzato una manifestazione regionale in piazza della Rocca a San Felice. Titolo dell’iniziativa “La legge di Stabilità deve cambiare”.


Riproduzione riservata © 2018 TRC