in:

Il rinnovo della concessione dell’autostrada A22 ad Autobrennero Spa è messo a rischio dal voto di fiducia posto alla legge di stabilità. Lo afferma la provincia di Modena che ha scritto al presidente del consiglio

Il rinnovo della concessione dell’auostrada A22 ad Autobrennero spa, società che riunisce diversi enti locali, tra cui la Provincia di Modena, è a rischio.
Colpa del voto di fiducia posto alla legge di stabilità che ora rischia di vanificare l’emendamento firmato da diversi senatori delle zone interessate, in cui si chiede di fare chiarezza in merito al futuro della concessione.  Il tempo per il rinnovo infatti stringe, per questo gli amministratori delle Province socie di Autobrennero Spa, vale a dire Modena, Bolzano, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Trento, ma anche il Comune di Verona, hanno inviato al presidente del Consiglio Letta “per verificare se esiste la volontà del governo di sostenere la proposta degli enti locali”.  L’emendamento in pratica, prevede che il ministero dei trasporti rinnovi la concessione dell’A22 nonché di tutte delle autostrade complementari tra cui le future Cispadana e la Campogalliano-Sassuolo, dando inoltre la possibilità agli enti locali di elaborare un unico piano finanziario per tutte le reti in concessione. L’obiettivo dell’emendamento è assicurare un piano di investimenti per i futuri interventi della rete, compresa la terza corsia sull’A22. Investimenti, che con il coinvolgimento di soggetti privati, arrivano a superare i tre miliardi.  Ora però con il voto di fiducia che ha blindato la legge di stabilità e congelato l’emendamento, il rinnovo della concessione è a rischio. Toccherà ora al governo rispondere tempestivamente alle preoccupazioni degli enti locali.


Riproduzione riservata © 2018 TRC