in:

Dopo tre anni di contratto di solidarietà. La crisi continua

Interpump Hydraulic, azienda reggiana, maggior produttore mondiale di pompe ad alta pressione, dopo tre anni di contratto di solidarietà, a seguito del perdurare della crisi, ha annunciato la chiusura degli stabilimenti modenesi di Bomporto e Nonantola. Solo nella città dell’Abbazia 40 dipendenti perderanno il lavoro e 80 saranno trasferiti. Da qui la richiesta del Pd di Nonantola alle istituzioni di adoperarsi con la proprietà per valutare il ricorso a nuovi ammortizzatori sociali per evitare gli esuberi.


Riproduzione riservata © 2018 TRC