in:

La nuova manovra d’agosto si annuncia come un vero salasso per i comuni. Secondo le prime stime, pubblicate anche dal Sole 24 ore, Modena dovrà tagliare quest’anno più di 8 milioni di euro, soldi che saranno sottratti agli investimenti e ai servizi. Per domani, il comune ha annunciato una conferenza stampa sulla finanziaria, noi intanto abbiamo provato a fare i primi conteggi.

Nuovo salasso in vista per i comuni a causa della manovra di ferragosto, da oggi all’esame delle commissioni di palazzo Madama. La finanziaria proposta dal governo il 12 agosto scorso, in aggiunta al decreto di luglio,  costerà al solo comune di Modena 8 milioni e 700mila euro quest’anno e ben 31 milioni e mezzo nel 2012. Ad elaborare le stime è il sole 24ore, che calcola per il nostro capoluogo una riduzione di spesa di 124 euro per ogni cittadino, soldi che il comune dovrà inevitabilmente tagliare a servizi e investimenti. Proprio sui costi della finanziaria l’amministrazione modenese ha annunciato per domani una conferenza stampa. Rispetto al provvedimento di luglio, secondo le prime stime Modena si troverà a dover tagliare circa altri 4 milioni di euro, Carpi 3 e Sassuolo 2,5. I provvedimenti governativi, ricordiamo, mirano ad anticipare al 2013 il pareggio di bilancio, operazione quantomai necessaria visto che negli ultimi 4 anni il rapporto deficit-pil è esploso dal 104 al 120%, vale a dire che lo stato ha sempre speso molto più di quanto incassava. Grazie al cosiddetto federalismo fiscale, per far fronte ai tagli nei prossimi anni i comuni avranno a disposizione una nuova imposta simile all’ici, che si chiamerà imu e potranno aumentare le addizionali irpef. La stangata però, ancora secondo le stime del sole 24ore, potrà costare circa mille euro ad ogni famiglia. Infine, per ottenere qualche risparmio, il movimento 5 stelle di Modena propone di ridurre gli stipendi d’oro dei dirigenti comunali: "guadagnano come manager di multinazionali -dicono i grillini- ma producono solo bilanci in rosso".


Riproduzione riservata © 2018 TRC