in:

Entro fine anno partirà il cantiere per il tecnopolo all’ex Sipe. Costo dell’opera un milione e mezzo

Approvata l’acquisizione dell’area del comparto “ex Sipe alte” dove verrà realizzata la sede decentrata del tecnopolo modenese, il secondo, dopo Faenza, a venire alla luce dei 10 previsti in tutta la Regione. Il progetto ha un costo complessivo di 1 milione e 600 mila euro, divisi tra Regione e Unione terre di castelli. Il nuovo centro di ricerca industriale verrà realizzato vicino alla Pedemontana, avrà un’ampiezza di 2mila metri quadrati e sarà disposto su due piani. Ospiterà strutture per la ricerca nei comparti dell’agroalimentare, della meccanica avanzata e della green economy. Parte del lavoro andrà, poi, a sostegno delle iniziative imprenditoriali a carattere innovativo dei giovani e delle professionalità escluse dal mondo del lavoro a causa della crisi. Alla definizione puntale delle attività stanno lavorando la rete Alta tecnologia della Regione Emilia Romagna e Democenter-Sipe. L’accesso alla struttura si troverà sulla rotatoria all’ingresso di Vignola, tra la provinciale 623 e la Pedemontana. Il cantiere aprirà a dicembre di quest’anno e i lavori dovrebbero concludersi entro il 2012.


Riproduzione riservata © 2018 TRC