in:

In un momento in cui le risorse sono limitate, bisogna puntare sulla creatività e la flessibilità: parola di Regione

L’obiettivo è quello di realizzare il nuovo piano triennale delle attività produttive della Regione Emilia-Romagna che va dal 2012 al 2014. Il cammino intrapreso passa da un ciclo di incontri di ascolto e confronto con la comunità economica e sociale della regione. Il primo a intervenire è stato Romano Prodi, intervistato da Giampiero Gramaglia, in un appuntamento a cui hanno partecipato i rappresentanti di enti locali, forze economiche e sociali ed esponenti del mondo della ricerca e dell’Università, in cui sono stati affrontati i temi dello sviluppo economico e della qualità della vita, con un’attenzione ai nuovi scenari mondiali. Tra gli obiettivi della Regione quello di scommettere ancora sul valore aggiunto del made in Italy, che garantisce, ha sottolineato Muzzarelli, creatività, originalità, flessibilità e adattabilità, personalizzazione e bellezza. Prendere la direzione della qualità, insomma, in un momento in cui le risorse sono poche. 


Riproduzione riservata © 2018 TRC