in:

Una lenta risalita e slancio da parte delle industrie, ma il tasso di disoccupazione sfiorerà il 7 % entro il 2012. Questi gli scenari di sviluppo dell’economia modenese secondo l’indagine svolta da Prometeia per la Provincia di Modena.

Un aumento del Pil dell’1.8%, rispetto ad un calo significativo del 2.6 dello scorso anno. Si vedono i segnali di ripresa, seppur lenta, dalla crisi economica nel nostro territorio. Sono queste le previsioni per l’economia modenese illustrate nell’annuale ricerca svolta per conto della Provincia dal centro studi bolognese Prometeia. A trainare la ripresa sarà soprattutto il settore industriale, con un aumento medio annuo del tre per cento, spinto in particolare dalla crescita delle esportazioni che, dopo un calo di quasi dieci punti percentuali tra il 2009 e il 2010, risaliranno fino all’aumento di oltre il sei per cento all’anno nel 2011 e 2012. Secondo l’indagine di Prometeia, dal punto di vista occupazionale, nei prossimi due anni l’industria registrerà un calo contenuto delle unità di lavoro; mentre i servizi riprenderanno ad assumere tornando al segno positivo con quasi un punto in più di media all’anno, così come le costruzioni. Queste tendenze faranno registrare in provincia, a fine 2012, un tasso di disoccupazione pari a circa il sette per cento, comunque inferiore all’11 per cento previsto per la realtà nazionale, ma lontano dal 3.1% del 2007.


Riproduzione riservata © 2017 TRC