in:

43 milioni di euro di finanziamenti distribuiti ad 850 imprese in crisi. A tanto ammonta la somma erogata grazie all’accordo siglato da Provincia, Camera di commercio ed istituti di credito per rilanciare le piccole e medie imprese in difficoltà.

Oltre 43 milioni di euro di finanziamenti distribuiti tra 850 imprese modenesi per sopperire a esigenze di liquidità aziendale. È questo il bilancio di un anno di operatività dell’accordo per il rilancio delle piccole e medie imprese siglato nell’aprile del 2009 dalla Provincia e dalla Camera di Commercio di Modena con sei istituti di credito e quattro consorzi fidi.L’accordo, già prorogato una prima volta, è valido fino al 31 dicembre 2010 e prevede condizioni particolarmente agevolate di accesso al credito per le piccole e medie imprese dei settori manifatturiero, commercio, servizi e agricoltura per far fronte alle esigenze di liquidità a breve e medio termine. Tra le misure anticrisi attivate dalla Provincia c’è anche il Protocollo d’intesa per l’anticipazione del trattamento di cassa integrazione, valido fino al 30 marzo 2011. A fine novembre 2009 erano 676 i lavoratori che ricevevano l’anticipazione della cassa integrazione per un totale di oltre tre milioni e mezzo di euro. A fine febbraio 2010 la somma delle domande è salita a 987 e le erogazioni a oltre cinque milioni per arrivare al 31 maggio con un totale di 1.162 domande attive per oltre sei milioni di euro. Il Protocollo prevede l’anticipazione da parte delle banche del pagamento diretto da parte dell’Inps dal momento che le erogazioni da parte dell’Istituto avvengono con tempistiche che possono comportare serie difficoltà economiche per i lavoratori e le loro famiglie. Tra le agevolazioni vi è anchee la possibilità per i lavoratori di richiedere la sospensione del pagamento del mutuo per la prima casa per la durata della Cigs sulla base di quanto stabilito dal Piano famiglie, senza oneri né spese aggiuntive.


Riproduzione riservata © 2017 TRC