in:

Ordini in calo e pagamenti tardivi: il doppio campanello d’allarme per il comparto tessile-moda a Carpi, che esce da un 2009 particolarmente duro, come confermano i dati raccolti da CNA.

Che il 2009 sia stato un anno duro per l’economia non è certamente una novità. Lo ha ribadito CNA Carpi anche per quanto concerne uno dei settori produttivi nevralgici della città, quello del tessile e della moda. Dati preoccupanti, due su tutti: una flessione del 23% nei contratti di subfornitura e ritardi, per quanto riguarda i pagamenti, nel 94% dei casi. Dati evidenziati, però, anche per sottolineare la probabile controtendenza nell’anno in corso: si parla di un 2010 all’insegna della stabilizzazione, arginare l’emorragia per tornare leader, come area, nel settore tradizionale per eccellenza della città. Le aziende hanno risposto imparando a reinventarsi, modificando in particolar modo i propri sistemi di pianificazione


Riproduzione riservata © 2017 TRC