in:

Artigiani e commercianti modenesi potranno ottenere finanziamenti a tassi agevolati, grazie al rinnovo della convenzione tra l’amministrazione comunale, cinque banche e quattro consorzi fidi.

Artigiani e commercianti modenesi potranno ottenere finanziamenti a tassi agevolati, grazie al rinnovo della convenzione tra l’amministrazione comunale, cinque banche e quattro consorzi fidi. Per ridurre di 4 punti il costo del denaro, su mutui compresi tra i 15 e i 30mila euro, il comune metterà a disposizione 100mila euro. Gli imprenditori potranno ottenere il finanziamento per nuove aperture o riqualificazione di attività esistenti, compresi bar, ristoranti e locali pubblici. Alla convenzione aderiscono Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Banco Popolare di Verona San Geminiano e San Prospero, Unicredit, Crv – Cassa di Risparmio di Vignola e Federazione banche di Credito cooperativo dell’Emilia Romagna. Le domande saranno raccolte dai consorzi fidi: Cofiter, Ascom Fidi, Unifidi e Finterziario. Agricoltura, allarme su reddito reale La crisi economica colpisce anche un settore considerato anticiclico come l’agricoltura. A lanciare l’allarme sul reddito reale di chi lavora in campagna è la Cia di Modena sulla base delle recenti stime di Eurostat. L’ufficio statistico dell’Ue, infatti, ha rilevato come il reddito agricolo nel 2009 sia calato in Italia del 14%. “Un dato che non sorprende – commenta la Confederazione italiana agricoltori – Da tempo sottolineiamo la gravità della situazione anche nella nostra provincia che rispecchia l’andamento europeo”. Il tracollo dei redditi, secondo gli agricoltori, è imputabile al crollo dei prezzi e alla scarsa attenzione al settore: “Solo il Governo – conclude la Cia – pare non aver compreso che la situazione diventa ogni giorno più difficile e complessa”. Dietro l’Italia, confermano i dati Eurostata, ci sono solo gli ungheresi che hanno visto scendere il loro reddito del 35%.


Riproduzione riservata © 2016 TRC