in:

Di economia e della difficile situazione congiunturale si è parlato anche nel congresso generale di Lapam Confartigianato che ha chiuso i lavori, ieri sera, eleggendo i vertici dell’associazione.

Un congresso generale quello di Lapam che si è chiuso in uno dei momenti più difficili per l’economia modenese. Tanti, troppi i segni negativi. I dati elaborati dalla camera di Commercio di Mestre, per conto di Lapam, e presentati nelle settimane scorse, non lasciano margini di dubbio: il fatturato, in generale, è diminuito del 5,5%, l’occupazione del 4, ma anche export, produzione e consumi riportano solo flessioni. Al Presidente generale, Erio Luigi Munari e al direttore Carlo Alberto Rossi, rieletti con ampio consenso, dopo il Congresso generale dell’associazione, spetta, pertanto, un impegno ancora maggiore, nella consapevolezza però – come sottolineano- che il cambiamento che la crisi ha portato deve essere cavalcato. Imprescindibile sarà accompagnare le 11 mila imprese associate verso un’inevitabile fase di trasformazione, non solo economica, ma anche sociale…


Riproduzione riservata © 2016 TRC