in:

Il Cersaie 2009 ha aperto i battenti questa mattina. Inevitabile parlare di crisi tra chi guarda al futuro e le proteste dei lavoratori.

“Competitività e credito oltre la crisi” è il titolo del convegno che ha aperto questa mattina a Bologna l’edizione 2009 del Cersaie, il salone internazionale della ceramica per l’architettura e l’arredobagno. Sui 176mila metri quadrati di superficie del polo fieristico bolognese espongono oltre mille imprese provenienti da 34 paesi. Significativa come sempre la presenza delle aziende italiane, ed in particolare di quelle sassolesi che cercano da questo evento anche un punto di ripartenza economica. Durante l’inaugurazione, non sono mancate le proteste dei lavoratori contro la crisi economica, i provvedimenti di cassa integrazione e i licenziamenti. Circa 150 dipendenti del gruppo Ideal Standard, infatti, hanno colto l’occasione per organizzare un presidio di fronte all’ingresso principale della fiera. Panzani alla guida del gruppo Ricchetti Una decisione all’insegna della continuità: sarà Alfonso Panzani a guidare il Gruppo Ceramiche Ricchetti, dopo la scomparsa di Oscar Zannoni, ricordato oggi al Cersaie con un minuto di silenzio. Panzani, fratello della moglie di Zannoni, aveva già ricoperto la carica di amministratore del Gruppo Ricchetti dal giugno del 2000 all’aprile 2009. La nomina a presidente e amministratore delegato è stata ratificata nel Consiglio di amministrazione che si è tenuto ieri. Presidente di Confindustria Ceramica dal 2005 al maggio 2009, Panzani, ha rinunciato a tutti gli altri incarichi, anche non operativi, ricoperti in altre società del settore ceramico.


Riproduzione riservata © 2018 TRC