in:

Le associazioni dei consumatori scendono in piazza nelle principali città italiane per chiedere la diminuzione delle tasse per i redditi da lavoro dipendente e da pensioni e l’abbattimento dei prezzi. Al coro di proteste si uniscono anche le associazioni modenesi.

Licenziamenti, lavoratori in cassa integrazione, i bilanci familiari già messi a dura prova dalla crisi economica che devono fare i conti anche con rincari ingiustificati di prodotti alimentari di largo consumo come pane e pasta. Le famiglie italiane hanno registrato nell’ultimo periodo un calo del potere d’acquisto di quasi 85 euro al mese. La denuncia arriva da Federconsumatori, Adiconsum, Movimento consumatori e Adoc che, a livello nazionale, hanno organizzato una giornata di protesta nazionale con manifestazioni nelle principali città italiane. Le associazioni dei consumatori chiedono la diminuzione della tasse per famiglie di lavoratori dipendenti e pensionati e interventi utili all’abbattimento dei prezzi per far ripartire la crescita ed uscire dalla crisi. Non da ultimo è ritenuto indispensabile un aiuto economico per quei lavoratori che hanno perso il posto di lavoro o che stanno usufruendo degli ammortizzatori sociali. Criticata la linea dell’attuale Governo che ha messo in discussione il processo delle liberalizzazioni


Riproduzione riservata © 2016 TRC