in:

Sempre più a rischio i 140 posti di lavoro dei dipendenti Interauto, ex-concessionaria Mercedes per Modena e provincia. La Cgil annuncia che la casa automobilistica avrebbe affidato ad un’altra società il servizio officina.

Questa mattina, come era previsto, i sindacati Fiom e Filcams Cgil di Modena, Reggio Emilia e Bologna hanno incontrato la direzione delle concessionarie Mercedes Interauto per fare il punto sulla riapertura delle filiali. La decisione della proprietà della casa automobilistica tedesca è quella di ritirare il mandato di vendita alla diverse società che fanno capo alla famiglia Santi. Sono, dunque, sempre più a rischio i 140 posti dei lavoratori di Modena e provincia. Mercedes Italia ha deciso unilateralmente di affidare ad un’altra società l’attività di servizio officina, attività che dovrebbe prendere il via a Modena già dal prossimo 4 ottobre. “Si tratterebbe di una società di Sondrio, l’AutoTorino, collegata ad una società modenese di leasing – ha affermato Andrea Dai Prà della Filcams Cgil di Modena – e non sarebbe intenzionata ad assumere nessuno dei 140 lavoratori delle società Interauto-Meb&Car e Diesis, attualmente in cassa integrazione speciale a zero ore”. I sindacati esprimono una forte preoccupazione, soprattutto perché, data l’imminente apertura della nuova attività, nessuno dei dipendenti Interauto è stato contattato. Filcams e Fiom chiedono, dunque, il massimo coinvolgimento delle Istituzioni locali per la grave situazione ed annunciano azioni di lotta.


Riproduzione riservata © 2016 TRC