in:

Modena al terzo posto nella graduatoria del patrimonio pubblico. Lo rivela uno studio del Sole 24 ore.

Ogni modenese ha 3680 euro in più. Farebbero comodo in tempo di crisi, ma in realtà si tratta di soldi virtuali e intangibili, la stima pro capite del patrimonio pubblico. A farla il Sole 24 ore che stamattina, sulla base dei bilanci consuntivi del 2007, ha stillato la graduatoria dei comuni capoluogo italiani proprio sulla base del patrimonio immobiliare pubblico in relazione al numero di abitanti. E Modena con i suoi 3680 euro per abitante si colloca al terzo posto della classifica alle spalle di Cosenza e Genova e davanti a Bologna e Trieste. Nella top ten, destinata a modificarsi rapidamente quando Cosenza terminerà la vendita in corso di 800 case popolari, ci sono anche Ancona, Parma, La Spezia, Trento e Venezia. In termini assoluti, sulla base dei dati messi a bilancio, il comune più ricco è ovviamente Roma, davanti a Genova, Torino e Napoli, ma Modena con beni per 662 milioni, un quinto di Roma, si colloca all’undicesimo posto. Diverso invece il ragionamento sulla possibilità di alienare parte di questo ingentissimo patrimonio, come stanno facendo molti Comuni. Solo il 3,2% del totale, infatti, è inserito a bilancio come patrimonio disponibile, non destinato cioè a finalità istituzionali e dunque vendibile, contro ad esempio il 33 di Venezia o il 31 di Trieste.


Riproduzione riservata © 2016 TRC