in:

Dopo le famiglie in difficoltà, adesso tocca alle imprese. Stamattina in Provincia banche, consorzi fidi e Camera di commercio hanno firmato l’accordo anticrisi per assicurare finanziamenti a condizioni agevolate. In Regione firmata l’intesa sugli ammortizzatori sociali.

Credito alle piccole e medie imprese modenesi di tutti i settori, a condizioni particolarmente agevolate, per consentire loro di superare questa difficilissima fase dell’economia. Provincia e Camera di commercio si fanno traghettatori per portare gli imprenditori modenesi al di là delle sabbie mobili della crisi mondiale. Una sfida per la sopravvivenza, in tempo di grave contrazione degli ordini e delle vendite, finalizzata anche a garantire la tenuta del tessuto sociale. Al loro fianco sei istituti di credito, Bper, Banco Popolare, Banca Crv, Banca modenese, Popolare di San Felice e Cassa di risparmio di Cento, e quattro consorzi fidi che stamattina hanno siglato uno specifico accordo. L’importo minimo delle operazioni, previste dall’accordo, è di 10mila euro, mentre non è previsto un plafond massimo. Il tasso annuo che le banche applicheranno terrà conto del rischio di impresa ma sulla base di un parametro già prestabilito, mentre i Consorzi fidi consentiranno riduzioni degli interessi a carico delle imprese tra il 30 e il 50%. L’accordo è valido sino a fine anno, ma è prevista la possibilità di una proroga.  L’accordo sugli ammortizzatori socialiE oggi a Bologna è stato firmato un accordo sugli ammortizzatori sociali fra la Regione Emilia Romagna, i sindacati, le organizzazioni dei datori di lavoro, ma per ora senza il sì di Confindustria. Complessivamente vengono messe in campo risorse per 520 milioni. Punto qualificante dell’intesa è non solo la possibilità di prolungamento della cassa integrazione ordinaria, ma anche l’utilizzo degli ammortizzatori sociali in deroga, quelli per le categorie che finora non erano coperte: imprese industriali e artigiane sotto i 15 dipendenti, commercio, servizi, cooperative, imprese di logistica e facchinaggio. “Un passo in avanti per una società più giusta – ha commentato il consigliere regionale Giancarlo Muzzarelli.   


Riproduzione riservata © 2016 TRC