in:

“Sindaco, questo marciapiede è proprietà privata, si allontani”. Cresce la tensione nell’azienda metalmeccanica Salami di Modena, tanto che oggi pomeriggio una delle titolari ha allontanato, e anche poco gentilmente, il primo cittadino, arrivato per esprimere solidarietà ai lavoratori.

Ore 15, gli operai della ditta metalmeccanica Salami di Modena, specializzata in prodotti oleodinamici, sono davanti ai cancelli: protestano contro la proprietà che non vuole più anticipare, come fatto in precedenza, la cassa integrazione, costringendo i 120 dipendenti a tirare avanti con i pochi euro guadagnati lavorando a rotazione. Siccome il presidio di ieri non aveva smosso la dirigenza, oggi i lavoratori hanno fatto un passo in più: hanno occupato, per qualche minuto, via Emilia ovest, per rallentare il traffico e coinvolgere nella protesta tutta la città. Qualche minuto, poi la polizia ha fatto tornare le persone sul marciapiede. A quel punto, a sorpresa, arriva il sindaco Giorgio Pighi: stringe le mani ai lavoratori, esprime solidarietà per la situazione che stanno vivendo, si rammarica per il fatto che persino il settore metalmeccanico risenta tanto della grave crisi. Un secondo dopo esce dall’azienda una delle titolari, allontana giornalisti e telecamere, poi vede il sindaco. E senza alcun riguardo, anche al primo cittadino dice di allontanarsi di almeno venti metri dai cancelli, perché quella è ancora proprietà privata. A Pighi non resta che spostarsi di qualche passo e dare appuntamento ai lavoratori in Municipio, da dove nessuno li può mandare via, incontro chiesto da Cgil e Rsu che si è svolto alle 17. Inutile dire che la tensione alla Salami sembra crescere di giorno in giorno. Sembra, invece, andare meglio all’Emilceramica: all’incontro di stamattina, fanno sapere i sindacati, l’azienda ha assicurato la copertura della cassa integrazione per i lavoratori di Solignano e Fiorano, e anche la ripresa dell’attività lavorativa a Solignano dal 2 marzo. Prossimo incontro, in Regione, mercoledì 4 marzo.


Riproduzione riservata © 2016 TRC