in:

Vertenza Gambro. L’azienda rompe con i sindacati e avvia la procedurà di mobilità. 80 i dipendenti che rischiano di rimanere a casa nelle prossime settimane.

L’azienda ha deciso di avviare la procedura di mobilità e di interrompere i contratti a termine senza che sia stato raggiunto alcun accordo con i sindacati: è per questo che venerdì prossimo, 5 dicembre, è stato proclamato uno sciopero di 4 ore all’azienda del biomedicale Gambro-Dasco di Medolla. In mattinata si terrà anche un presidio davanti ai cancelli dell’azienda. La messa in mobilità riguarderebbe 80 dipendenti, molti anche i precari che rischiano di essere a casa già entro la fine dell’anno. Solidarietà ai lavoratori dal sindaco di Mirandola Costi che, insieme al sindaco di Medolla Rinaldi, ha già contattato gli assessori provinciale e regionale agli interventi economici per individuare possibili azioni da intraprendere congiuntamente.


Riproduzione riservata © 2016 TRC