in:

Gli imprenditori modenesi hanno una grande capacità di costruire esperienze di successo, ma faticano a trasmettere ai consumatori il significato di ciò che realizzano. Sono parole di Giampaolo Fabris, protagonista a Modena di un incontro organizzato da Confesercenti.

Inutile parlare del consumatore di domani, perchè potrebbe essere troppo tardi rispetto alla situazione critica in cui versa l’economia internazionale. Meglio attenersi a quello che accade oggi. E’ la considerazione poco incoraggiante con cui il professor Giampaolo Fabris, guru del marketing, ha aperto il suo intervento all’incontro organizzato oggi da Confesercenti a Modena, per parlare di tendenze nei consumi. Manca l’ottimismo nel futuro, ha detto Fabris, e manca il reddito. Due componenti che portano il consumatore di oggi a prestare molta più attenzione di ieri al prezzo di ciò che acquista. La qualità in senso assoluto finisce in secondo piano, mentre un ruolo sempre più centrale viene riservato anche al contenuto etico dei prodotti. Comprare un bene rispetto ad un altro acquista così una significato politico, non solo per qualche militante, ma per larghe fasce della comunità. Per questo è importante riuscire a trasmettere il senso di ciò che si realizza, un’abilità che, secondo Fabris, i modenesi dovrebbero sviluppare.


Riproduzione riservata © 2016 TRC