in:

Coop Estense è riuscita bloccare, nei suoi ipermercati, l’inflazione addirittura sullo zero, nonostante i continui aumenti richiesti dai fornitori.

I listini vengono continuamente “ritoccati” verso l’alto dai fornitori tanto che gli aumenti medi all’acquisto si sono attestati, nei primi mesi, dell’anno a quota 8%, con punte addirittura del 40%. Nonostante questo nei propri ipermercati Coop Estense è riuscita a fermare l’inflazione sullo zero: all’inizio dell’anno la cooperativa aveva deciso non solo di assorbire direttamente una parte degli aumenti dovuti all’inflazione, ma aveva anche abbassato del 4% il prezzo di oltre 4mila prodotti di uso quotidiano. Uno sforzo che ha dato risultati importanti. Oggi, infatti, il consiglio di amministrazione della cooperativa ha fatto il punto sull’andamento dei prezzi soprattutto quelli dei generi alimentari, maggiormente colpiti dai rincari, e sui risultati dell’azione di contenimento dell’inflazione messa a punto a tutela dei consumatori. Ben oltre 2mila prodotti sono risultati essere in vendita a un prezzo addirittura più basso rispetto all’anno scorso. Nei prossimi mesi, l’azione di Coop Estense proseguirà tanto che verrà bloccato il prezzo di altri 400 prodotti, mentre sugli scaffali saranno segnalati sia il prezzo attuale che quello applicato alla fine dell’anno. “Con questo insieme di azioni e grazie alla scelta del consiglio di amministrazione di investire in convenienza l’utile commerciale – si legge in una nota stampa – Coop Estense affronta con fiducia un periodo ancora più ostico, ma fermamente convinta che ogni impegno sia dovuto per la difesa del potere di acquisto dei propri soci e consumatori in periodi così duri e difficili”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC