in:

Brusca frenata nel primo trimestre del 2008 per le imprese con meno di 50 dipendenti associate a Cna. Tiene però la meccanica che vende all’estero un terzo dei suoi prodotti.

Non sono incoraggianti i dati del primo trimestre del 2008 delle imprese con meno di 50 dipendenti aderenti a Cna. Secondo l’analisi trimestrale compiuta dall’associazione il 2008 si presenta come un anno davvero duro per il tessuto produttivo locale. Cala il prodotto interno lordo dell’1,5 percento rispetto a dodici mesi fa. Vanno male, anzi malissimo, la maglieria con un calo del fatturato di quasi l’8%, l’abbigliamento che mostra però un segno positivo per gli ordini esteri, la ceramica -3,8% ed il biomedicale con una produzione del -2,5%. In totale controtendenza, invece, la meccanica che presenta solo segni positivi. L’analisi permette di evidenziare come la tenuta dipenda ancora una volta dalla domanda estera: il settore manifatturiero esporta praticamente il 30 percento di ciò che produce e anche le piccole e medie imprese trovano respiro nelle esportazioni che valgono il 12% del loro fatturato. In un contesto così negativo tiene invece l’occupazione che continua a crescere. Secondo Cna se l’economia provinciale pur frenando sta tenendo testa a competitori internazionali è perchè nel novero dei clienti internazionali stanno acquisendo un peso maggiore paesi come la Russia, la Cina e l’India dove approda orma il 9% della produzione modenese


Riproduzione riservata © 2016 TRC