in:

Sale a quota 3,6% il tasso tendenziale annuo dell’inflazione a Modena-città. Tra i principali imputati il rincaro del costo dei prodotti petroliferi. Gli incrementi più pesanti negli ultimi 12 mesi per il gasolio da riscaldamento e per farine e cereali.

Cresce ancora l’inflazione a Modena: a maggio, infatti, sono aumentati dello 0,5% rispetto al mese precedente i prezzi rilevati nella nostra città. Il tasso tendenziale annuo sale così al 3,6%. L’elaborazione dei dati è del Servizio di statistica del Comune di Modena che, tra le cause principali dell’incremento dei prezzi, segnala il continuo aumento del costo dei prodotti petroliferi. In realtà, incrementi si segnalano pure in quasi tutti i capitoli di spesa: non solo trasporti quindi, ma anche abitazione-energia, alimentari e bevande e servizi per la casa. Quanto alle singole voci, i maggiori aumenti riguardano farine e cereali con un picco del 21% rispetto ad un anno fa e il gasolio per riscaldamento che registra un più 30,9% rispetto al 2007.


Riproduzione riservata © 2016 TRC