in:

Il Santarcangelo Festival ci riprova e torna a far discutere per la messa in scena di spettacoli che c’è chi li definisce provocatori

Il Santarcangelo Festival ci riprova e torna a far discutere per la messa in scena di spettacoli che c’è chi li definisce provocatori o addirittura osceni. Nel 2015 un ballerino che si esibì nudo facendo pipì portò anche a interrogazioni parlamentari. Quest’anno a creare polemiche è ‘Multitud’, che ha aperto il 6 luglio la 48esima edizione del festival nel riminese: ideata da Tamara Cubas, la performance vede una cinquantina di persone che corrono e danzano in una piazza, strappandosi i vestiti e alcune mostrandosi completamente nude. Critiche sarebbero arrivate da Lega e Forza Italia. E stasera, per l’ultima replica, c’è chi vorrebbe boicottare lo show. Ma Eva Neklyaeva, direttrice del Festival, replica che non c’è nulla di offensivo in un corpo nudo, la storia dell’arte ne é piena, anche in spazi pubblici.


Riproduzione riservata © 2018 TRC