in:

Grande successo per la manifestazione – giunta alla 21esima edizione – che riunisce nel comprensorio ceramico registi italiani e stranieri

Animazione, documentari e cortometraggi. L’edizione numero 21 dell’Ozu Film Festival si è conclusa con un successo di pubblico. Per nove giorni la zona del comprensorio ceramico si è trasformata in un punto di riferimento per registi, videomaker ed appassionati di cinema che hanno potuto assistere a decine di proiezioni. La serata conclusiva si è svolta al Teatro Astoria di Fiorano dove la giuria ha decretato i vincitori. Il miglior film italiano è stato “Preti” di Astutillo Smeriglia, mentre il premio per miglior cortometraggio di animazione è andato a “Love Games” che racconta giochi da innamorati. Miglior documentario “Keine Porno”. Il premio per la regia è andato a “Les Lezards”. Gran premio della giuria a “Ata Lunch”, la storia della quindicenne Klara e altri quattro tra ragazzi e ragazze della sua età che devono consumare il pranzo sotto la supervisione di infermiere in un centro per disordini alimentari e hanno solo 30 minuti per finire il loro pasto. Ozu 21 a “Daimi”.


Riproduzione riservata © 2018 TRC