in:

Spettacolo alla sala Alberione, sabato prossimo. Regia di Claudio Calafiore

Salem, Massachusetts, 1692. Il piccolo villaggio è sconvolto dall’ultimo processo per stregoneria della storia. 200 gli accusati, 19 le persone alla fine giustiziate. Non bruciate sul rogo come si usava fare in Europa, ma uccise a colpi di forcone. I processi ebbero inizio ad aprile e terminarono a novembre, quando la protesta di alcuni dei reverendi più influenti dello Stato spinse il governatore a sospendere i lavori del tribunale. Questa vicenda storica, così drammatica e al contempo sintomatica di cosa possa fare l’uomo quando paura e superstizione prendono il sopravvento sulla ragione, è al centro dell’ultimo lavoro del regista modenese Claudio Calafiore. Sul palco, sabato, domenica e martedì prossimi alle 21, alla sala Alberione di via 3 febbraio, il gruppo di emergenti attori modenesi che ha partecipato al master organizzato dal centro culturale. Un lavoro durato otto mesi che fa seguito all’Iliade portata in scena lo scorso anno. Biglietti prenotabili sul sito internet del Centro Alberione.


Riproduzione riservata © 2018 TRC