in:

Inaugurerà venerdì alle 18 presso le sale superiori di Palazzo Santa Margherita a Modena una mostra dedicata alla collezione Don Casimiro Bettelli, con opere inedite da Fontana a Schifano.

Sacerdote, poeta, letterato, collezionista, Casimiro Bettelli, per tutti Don Miro, ha attraversato il novecento coltivando una passione unica per l’arte che lo ha portato a riunire una ricchissima collezione di opere contemporanee. A dieci anni dalla prima esposizione, a suggello del rinnovo del comodato sottoscritto tra Curia e Galleria Civica per la valorizzazione di questo ingente patrimonio, il museo modenese propone una nuova mostra, con la quale presenta una cinquantina di opere rimaste sino ad oggi inedita. Da Fontana a Schifano, attraverso l’Informale, il Pop italiano e la Transavanguardia. Nel percorso di mostra sarà anche possibile vedere la sezione dedicata agli artisti locali, da Carlo Barbieri a Raffaele Biolchini, Tino Pelloni e Mario Venturelli, cui Casimiro Bettelli era legato da profonda amicizia e per i quali scrisse testi critici o poetici che accompagnavano le opere. La mostra, a cura della Galleria civica di Modena, sarà inaugurata presso le sale superiori di Palazzo Santa Margherita venerdì alle 18 e resterà aperta sino al prossimo 10 gennaio


Riproduzione riservata © 2016 TRC