in:

Presentata la stagione lirica del teatro Comunale. Sei gli spettacoli in programma. Si comincia il 23 ottobre con la tragedia lirica di Giuseppe Verdi “I due foscari”.

Sarà un’opera mai approdata a Modena in tempi moderni, l’ultima volta fu rappresentata nel 1867, ad aprire la stagione la stagione lirica del teatro comunale il 23 ottobre. La tragedia firmata da Giuseppe Verdi rappresenta un momento importante della collaborazione con il Teatro Regio di Parma, la cui orchestra ha partecipato alla recente commemorazione in piazza Grande di Luciano Pavarotti. Si conferma ancora una volta la volontà di dare spazio al teatro musicale contemporaneo: il 15 e il 17 novembre, infatti, la stagione prosegue con “Il sequestro” un opera moderna commissionata proprio dal Comunale al compositore spagnolo Alberto Garcia Demestres, celebre compositore spagnolo che ha anche studiato canto con il maestro Luciano Pavarotti. Il 23 e 24 gennaio sarà la volta di Elektra, capolavoro di Richard Strauss mai rappresentato a Modena, le musiche saranno eseguite da più orchestre per un totale di 110 elementi. Nabucco, in una produzione del festival Verdi, è in programma il 5 e 7 febbraio. A Michele Mariotti, giovane direttore del teatro comunale di Bologna, è affidata la direzione dell’Idomeneo di Mozart, in cartellone il 12 e 14 marzo. La stagione si chiude in aprile con Manon Lescaut di Puccini in un allestimento del Teatro Massimo di Palermo. Tra le novità: tre incontri con l’opera che saranno proposti al Caffè Concerto e l’introduzione di costi diversificati per i posti davanti o dietro nei palchi.


Riproduzione riservata © 2016 TRC