in:

Sono stati quasi 80 i cortometraggi consegnati per la terza edizione della gara “4 giorni corti” all’interno del Nonantola Film Festival 2009. Tanti i partecipanti, provenienti anche da Francia e Polonia. Domenica prossima le premiazioni.

77 cortometraggi consegnati entro i termini di chiusura domenica scorsa. 9 generi estratti a sorte tra drammatico, gangster, commedia, comico, fantascienza, horror, splatter, sentimentale e triller. Due elementi caratterizzanti: una clessidra e guanti in gomma o lattice. E una frase ricorrente: “Dipende dai punti di vista”. Sono questi le caratteristiche della terza edizione del Nonantola Film Festival, che ha trasformato le vie, le piazze e i parchi del paese in una piccola Hollywood. Per quattro giorni, dal 23 al 26 aprile, infatti. le troupe hanno invaso le strade con telecamere, luci, attori e cantanti. I nonantolani si sono così trovati alle prese con un drago rosso, un professore al lavoro su una macchina fumante in stile Ritorno al Futuro, un barbone che dorme fuori dall’Abbazia, un matrimonio o strani equilibristi. Una esperienza unica per i tanti partecipanti, alcuni provenienti anche da Francia e Polonia ed altri incastrati in alcuni inconvenienti tecnici. La gara “4 giorni corti” si concluderà domenica prossima con la proiezione dei cortometraggi finalisti e con la proclamazione dei vincitori.


Riproduzione riservata © 2016 TRC