in:

Oltre 60 opere degli artisti modenesi Guido Mazzoni ed Antonio Bagarelli sono in esposizione al Foro Boario per la mostra, lungamente pensata ed attesa, dal titolo “Emozioni in terracotta”.

“Emozioni in terracotta” è il titolo della mostra che inaugura domani al Foro Boario di Modena. Di tratta del primo allestimento dedicato ai plasticatori modenesi Guido Mazzoni ed Antonio Begarelli, tra i massimi interpreti della scultura in terracotta del pieno Rinascimento padano. Promossa dal Comune di Modena-Museo Civico d’arte, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e dalla Soprintendenza per i Beni storici artistici ed etnoantropologici, con la partecipazione del Gruppo Hera, la mostra propone un’ampia gamma di opere dei due artisti. La materia delle figure è, appunto, la terracotta, tipica nella tradizione emiliana per indisponibilità di marmi o pietre adatte e per la facile reperibilità dell’argilla. La mostra è arricchita da un itinerario in città e sul territorio, che prevede la visita della Galleria Estense e del Museo Civico, dove si trovano opere che non si è ritenuto prudente spostare dalla loro collocazione abituale, e delle chiese del centro storico cittadino come Sant’Agostino, San Francesco, il Duomo, San Domenico e San Pietro. “Emozioni in terracotta- Guido Mazzoni e Antonio Begarelli. Sculture del Rinascimento emiliano” resterà in esposizione fino al 7 giugno.


Riproduzione riservata © 2016 TRC