in:

Ambientata nel 500, torna a Castelvetro il 13 e 14 settembre “La dama vivente” , la storica partita alla corte dei marchesi Rangone.

La Dama vivente rievoca il soggiorno a Castelvetro del poeta Torquato Tasso che vi era arrivato in cerca di rifugio e che, si dice, incantato dalla dolcezza del paesaggio proprio qui abbia composto “Erminia fra i pastori”, uno dei brani più suggestivi della Gerusalemme liberata. Ambientata nel 500, nel centro storico del paese, sabato 13 e domenica 14 settembre, torna la manifestazione, organizzata dall’associazione “Dama vivente” con il contributo del comune, della Provincia di Modena e della Regione Emilia Romagna.Nata oltre quarant’anni fa grazie all’impegno di un gruppo di volontari la manifestazione – come sottolinea l’assessore alla cultura Giorgio Montanari – contribuisce all’immagine di Castelvetro, richiamando pubblico agli spettacoli, nella veste di comparse e di spettatori. Le due serate si aprono con il corteo storico composto da centinaia di figuranti in costumi realizzati a mano sui modelli d’epoca e con gli sbandieratori, per poi proseguire con la partita vera e propria. Alle 22.30 la compagnia Efesto presenterà “Strani cocetti nove chimere”, uno spettacolo ricco di suggestioni rinascimentali.


Riproduzione riservata © 2016 TRC