in:

Nicoletta Mantovani era in municipio stamattina per in occasione della presentazione ufficiale del concerto lirico che sarà eseguito in occasione del primo anniversario della morte di Luciano Pavarotti nel teatro a lui dedicato.

Non c’è spazio per le polemiche, come quelle sull’opportunità o meno di intitolare il teatro comunale a Luciano Pavarotti, non c’è spazio per il gossip legato alla cospicua eredità lasciata dal maestro alle figlie e alla moglie Nicoletta Mantovani. Oggi, prepotentemente, c’è solo il ricordo per Big Luciano, per il suo amore verso la città, per una straordinaria carriera artistica che ha portato Pavarotti e la sua Modena in tutto il mondo. Il sei settembre dell’anno scorso Luciano Pavarotti si è spento nella sua casa di Santa Maria di Mugnano, stroncato da una di quelle malattie che non lasciano scampo. La città ha reagito al lutto con compostezza, rendendo omaggio alla salma del maestro per tre giorni e affollando piazza grande in occasione della cerimonia funebre. Ad un anno di distanza per desiderio di Nicoletta Mantovani, il maestro sarà ricordato con la Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, che sarà eseguita sabato 6 settembre nel teatro lirico cittadino dall’orchestra e coro del teatro Regio di Parma. Anche in questa occasione i cittadini hanno dato un’ulteriore dimostrazione di affetto esaurendo i biglietti disponibili in meno di due ore, tanto da indurre gli organizzatori a replicare l’evento


Riproduzione riservata © 2016 TRC