in:

Si intitola “Nostalgia del futuro: l’invenzione del domani in un secolo di illustrazioni” e resterà aperta dal 19 settembre all’8 dicembre, la mostra ideata dal Museo della Figurina di Modena, in occasione dell’8° festival della Filosofia.

Curata da Paola Basile e Maria Giovanna Battistini con la collaborazione di Riccardo Valla, la mostra prende in esame l’intreccio tra sogno, desiderio, paura e meraviglia nell’immaginario legato alla visione del futuro, a partire dalle figurine di fine Ottocento e alla letteratura futuristica e interplanetaria del periodo, per poi arrivare, attraverso le suggestive riviste americane degli anni trenta e agli album di fantascienza degli anni Cinquanta, alle “trade cards” di note serie televisive. L’iconografia delle figurine dedicate all’anno duemila e al viaggio sulla luna raffigura, in modo ingenuo e positivo un domani quasi domestico in cui la tecnologia è al servizio della quotidianità che si fa ludica. All’interno della mostra si potranno ammirare anche video installazioni dedicate a macchine alate e viaggi straordinari realizzate dagli studenti dell’Istituto d’arte Venturi, coordinati da Antonella Battilani. La mostra che si tiene nella sede del Museo della Figurina a palazzo Delfini è ad ingresso gratuito e rimarrà aperta al pubblico dal martedì al venerdì dalle ore 10,30 alle 13e dalle 15 alle 18; il sabato , la domenica ed i festivi dalle 10.30 alle 18. In occasione del Festival filosofia l’apertura il venerdì 19 si terrà dalle 9 alle 23 e domenica 21 dalle 9 alle ore 20


Riproduzione riservata © 2016 TRC