in:

Un cucciolone di San Bernardo salta la recinzione di casa per un giretto, si perde, e per tornare dal padrone… prende il treno

Un cucciolone di San Bernardo salta la recinzione di casa per un giretto, si perde, e per tornare dal padrone… prende il treno. Sbagliato. Il Comandante della Stazione Carabinieri Bologna Navile, Luogotenente Nicola Patti, ha tratto in salvo un “Cane di San Bernardo” che stava viaggiando da solo in treno. È successo alle prime luci dell’alba, quando il militare, libero dal servizio, è salito a bordo di un treno, partito dalla Stazione di Casalecchio di Reno e diretto a Bologna. Durante il tragitto, il Luogotenente si è accorto che il Capo Treno e una passeggera stavano cercando di capire come risolvere una situazione atipica, ovvero risalire al proprietario di un cane di taglia grande, ma di carattere docile, che stava viaggiando da solo sul convoglio diretto a Bologna. Il militare si è avvicinato e ha preso in consegna l’animale che nel frattempo era stato tranquillizzato e accudito con un maglione che la donna si era tolta per proteggerlo. Giunto alla Stazione Ferroviaria di Bologna Centrale, il militare è sceso dal treno col cane e si è recato presso la Stazione Carabinieri per procedere all’individuazione del proprietario dell’animale. Operazione che si è conclusa con successo, grazie alla collaborazione con la Polizia Municipale che è giunta in caserma con un lettore microchip. Il proprietario del cane è stato contattato, dopodiché è stato possibile accertare che l’animale, “Leone”, un cucciolone razza “San Bernardo” (cani che possono raggiungere i 120 kg di peso) era salito in treno perché voleva tornare a casa, a Lama di Reno, da dove si era allontanato per fare un giretto. Idea geniale, ma irrealizzabile, oltretutto l’animale aveva preso il treno sbagliato, diretto nella direzione opposta. Dopo aver trascorso qualche ora in compagnia dei Carabinieri il cane è stato restituito al legittimo proprietario.


Riproduzione riservata © 2018 TRC