in:

Ha chiamato i soccorsi per un principio di incendio ma è finito in arresto per possesso di droga. Protagonista della vicenda un 41enne bolognese

Un corto circuito di una lampadina, avvolta in un tovagliolo di carta da un 41enne italiano, ha generato un incendio che ha portato i Carabinieri del Nucleo Radiomobile a scoprire, nel suo appartamento in via Stalingrado, marijuana e contanti. In tarda mattinata, i Vigili del Fuoco sono intervenuti per domare il rogo, circoscritto ad una stanza, e con loro i militari dell’Arma che, perlustrando l’abitazione, hanno notato contanti su un comodino. Mentre li stavano prendendo hanno avvertito un forte odore di marijuana trovando un panetto compresso. Controllando il resto dell’abitazione, i carabinieri hanno rinvenuto altri pacchetti di sostanza stupefacente, per circa 200 grammi, e banconote di diverso taglio,in tutto 200 euro. Il 41enne è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Come lui, sempre ieri ma in zona San Ruffillo, è stato arrestato anche un albanese di 30 anni. Ad avvertire i militari di uno strano via vai dal suo appartamento sono stati alcuni vicini che hanno fermato uno straniero che stava uscendo, trovandolo con circa 4mila euro in contanti. Nell’appartamento sono stati trovati 40 grammi di cocaina.


Riproduzione riservata © 2018 TRC