in:

I Carabinieri hanno arrestato un 55enne e un 23enne, padre e figlio: hanno aggredito il nuovo fidanzato dell’ex moglie del 55enne

I Carabinieri hanno arrestato un 55enne e un 23enne, padre e figlio, italiani, per minaccia aggravata e maltrattamenti in famiglia. È successo ieri sera: il 112 è stato informato che all’interno di una stazione di servizio in via Persicetana, a Sala Bolognese, era scaturita una lite. La notizia è stata diramata subito a due pattuglie dell’Arma. Quando i militari sono arrivati, sono venuti a conoscenza che poco prima, un uomo, spalleggiato dal figlio, aveva aggredito il compagno di sua moglie, da cui si era recentemente separato. Durante la lite, inoltre, era emerso che il figlio dell’aggressore aveva impugnato una pistola semi automatica di colore nero e dopo aver esploso un colpo in aria l’aveva utilizzava per colpire il malcapitato alla tempia. In seguito, i due aggressori salivano velocemente a bordo di un’auto parcheggiata in zona e si allontanavano per recarsi presso la Stazione Carabinieri di San Giovanni in Persiceto. Una volti giunti in caserma, i due soggetti riferivano al militare di turno di essere stati aggrediti da un gruppo di nomadi armati di mazze. Il Carabiniere non ha creduto ai due visitatori e dopo aver avvisato il suo comandante, ha effettuato una serie di accertamenti informativi, scoprendo la verità, ovvero che i due soggetti si erano inventati una menzogna per attenuare i fatti. Smascherati, i due italiani hanno ammesso le proprie responsabilità, consegnando spontaneamente la pistola utilizzata per intimidire e colpire il 40enne. Questi, medicato dai sanitari del Pronto Soccorso dell’Ospedale di San Giovanni in Persiceto, è stato dimesso con una prognosi di tre giorni. L’arma sequestrata dai Carabinieri è una scaccia cani priva del tappo rosso. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, i due italiani sono stati tradotti in carcere.


Riproduzione riservata © 2018 TRC