in:

Trovato morto in casa un 43enne. L’ipotesi è che sia stato ucciso a calci e pugni. Carabinieri e pm sul posto

Un uomo di 43 anni è stato trovato morto nella notte in un appartamento di Castiglione di Cervia, nel Ravennate. E’ stato il padrone di casa, non vedendolo da alcuni giorni, almeno da martedì sera, a dare l’allarme ai vigili del Fuoco, arrivati poco prima delle 2. Dalla prime ricostruzioni, sembra che sia stato colpito più volte, forse a mani nude con numerosi calci e pugni. Sulla porta non c’erano segni evidenti di effrazione. Sul posto, oltre ai carabinieri,
anche il Pm di turno Antonio Vincenzo Bartolozzi. La vittima era di origine pugliese, ma da tempo viveva in Romagna dove lavorava come stagionale in locali, ad esempio pizzerie. Gli inquirenti non escludono che potesse conoscere il suo aggressore visto che lo ha fatto entrare nell’abitazione. Il 43enne trovato morto in un lago di sangue, era stato visto per l’ultima volta mercoledì sera a vedere una partita di Champions League in un bar del paese. Poi, a quanto si apprende, nessuno lo avrebbe più notato. La scorsa notte il padrone di casa, dopo aver provato invano ad aprire la porta dell’abitazione, ha dato l’allarme e i vigili del fuoco hanno fatto irruzione nell’appartamento, trovando il cadavere. La vittima, Rocco Desiante, aveva lavorato fino a poco più di un mese fa in una pizzeria della zona, come stagionale, prima di mettersi in malattia. Il suo contratto sarebbe comunque scaduto a fine mese scorso.


Riproduzione riservata © 2018 TRC